Archivi tag: Piadena

Chioccioline lungo l’Oglio.


Il fiume Oglio si snoda per 280 km attraverso la Lombardia. Esso rappresenta per lunghezza il secondo affluente più importante del fiume Po.  Il fiume nasce in Valle Camonica, forma il lago d’Iseo, percorre la Pianura Padana per poi sfociare nel fiume Po. Un territorio vario e ricco di biodiversità. Nonostante attraversi il polmone economico della Lombardia e dell’Italia, questo fiume tiene unite le Alpi alla Pianura Padana, regalando scorci meravigliosi. Un tempo era pure balneabile. Ora il forte inquinamento, proveniente dalle industrie della Provincia di Brescia e Cremona, le quali scaricano al suo interno i loro rifiuti talvolta tossici, ha reso impossibile la balneazione e messo in pericolo diverse specie animali e vegetali. Ora pare rinascere, piano piano. Le amministrazioni locali si rendono conto un poco per volta del valore di questo tesoro e, se non lo rovinano, lo apprezzano e lo rivalutano. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in GustosaMente, Uncategorized

Basta col cemento. Seminiamo cambiamento!


Usare male le energie rinnovabili è dannosissimo, per noi e per l’ambiente circostante. Strappare suoli alla Terra e ricoprirli con cumuli di cemento per ottenere energia dal sole è assurdo. Niente di più assurdo. Parafrasando l’articolo di Carlo Petrini, comparso su Repubblica il 18 gennaio scorso, non posso fare altro che unirmi al suo grido di disperazione: “Fermate il cemento!”.

Mi rivolgo alle autorità locali, ai sindaci, alle province e chi più  ne ha più ne metta. Pare che a Cremona questi prati di pannelli stiano spuntando come funghi.  Le foto sono state scattate con il cellulare (3.2 mpx) a Piadena, in provincia di Cremona. Con tutti i tetti che ci sono a disposizione, niente di più assurdo che permettere un’opera come questa. Solo perchè l’Italia concede stupidamente incentivi a chi pianta pannelli solari, o fotovoltaici, a terra anzichè finanziare il recupero di molte aree industriali dismesse.

Tra l’altro in zona è già stato formato un Comitato contro la fabbrica di bitume che inquinerà l’intera area durante i lavori per la nuova e futura autostrada Cremona- Mantova. Questa autostrada sorgerà parallela alla linea ferroviaria Cremona-Mantova che invece viene lentamente lasciata morire. Niente di più assurdo.

Quando la politica abita un altro mondo… questi sono gli effetti, tra l’altro disastrosi!

Il modo migliore per rovinare un territorio vocato alla buona cucina, all’agricoltura e a un nuovo turismo verde.

Non è questa l’energia che ci salverà!

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized