Archivi tag: Il Gastronauta

Basta(va) poco


basta poco
per esser furbi
basta poco oh!
basta pensare che son tutti deficienti

Vasco Rossi

La fortuna e il successo di tanti piccoli paesi che popolano l’Italia è, talvolta, in mano alle Pro-Loco e alle amministrazioni comunali, alle quali spetta il difficilissimo compito di capire quale strada percorrere. Ecco perchè il turismo in Italia, ancora oggi rappresenta una vera e propria risorsa da salvaguardare e da sviluppare. Esso ha bisogno di investimenti, umani ed economici, di savoir faire, di umiltà, di organizzazione e di una comunicazione adeguata. Molte volte ci si concentra sul numero di partecipanti, sulla piazza piena, sull’incasso e sulla mole di lavoro senza capire bene quale sia il lascito, positivo o negativo, di tali eventi. Ecco che torna doveroso parafrasare una pagina importante di “uno che la sa lunga” sull’argomento.

Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

Sarà un successo… Milano Golosa 2012


Ogni giorno riceviamo chiamate di produttori che vorrebbero uno spazio a Milano Golosa. Il posto non c’è più e per il 2013 la lista d’attesa è già lunga. Siamo contenti, abbiamo lavorato tanto e duramente.” Con queste parole Elena Maccone (collaboratrice di Davide Paolini) racconta l’evento che si svolgerà il 20/21 ottobre a Villa Torretta. Un evento unico capace di portare il meglio della gastronomia italiana sotto un unico tetto.

La nostra Valentina Gualdi passa giornate al telefono con i produttori mentre Salvatore Delogu smista e-mail in continuazione. L’Univeristà della Spesa sta avendo molto successo e i posti si fanno sempre più rari.  Siamo contenti, Davide ci tiene molto a questo evento. Un bel lavoro di squadra!” Parola di Elena Maccone

Università della Spesa, Making Show, Mercato degli artigiani, Officine del gusto e tanto altro ancora… ecco cos’è Milano Golosa.

Save the date!!!

www.milanogolosa.it

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Chi è Il Gastronauta? La risposta in un’intervista esclusiva a Davide Paolini


Davide Paolini si racconta. Un’intervista dal carattere autobiografico che cerca di indagare dove nasce l’amore per la buona cucina. L’intenzione principale è quella di trascrivere una conversazione senza apportare modifica alcuna al testo e alle parole pronunciate dall’intervistato. Ripercorrere le tappe che hanno portato il Gastronauta ad affermarsi sulla scena nazionale e internazionale.

Dove è nato e da che tipo di famiglia di famiglia è nato? Si leggono spesso i ricordi della sua nonna, che cosa ha rappresentato per Lei e per la sua professione attuale?

Allora io sono nato nel 1948 a Galeata in provincia di Forlì (ora FC), un paese spostato verso l’appenino romagnolo. La mia famiglia è stata molto importante nella mia formazione gastronomica perchè, praticamente, da parte materna era tutta una famiglia dedita alle carni: mio nonno era un commerciante di carni e aveva anche un salumificio, mia madre lavorava nell’azienda materna con i miei zii e anche mio padre, in un secondo tempo, è andato a lavorare in questa azienda di macellazione e commercio di carni… quindi diciamo che il cibo io ho cominciato a respirarlo appena nato. Mia nonna è stata molto importante perchè era molto attenta alla cucina così pure mio nonno, il quale conoscendo molto bene le carni, era uno molto speciale per quanto riguarda il mangiare. Ma oltre mia nonna una persona molto importante, che cito anche nel libro per qualche ricetta, è stata diciamo la donna che lavorava a casa mia che si chiamava Fortunata, tra l’altro fortunata fino a un certo punto perchè aveva perso un occhio (pertanto gliene mancava uno!). Fortunata è stata una cuoca straordinaria, è stata anche la perpetua del parroco di Galeata, anzi del Monsignore di Galeata, e quindi aveva una grandissima abilità ai fornelli. La cosa straordinaria è che io, per esempio, nel periodo in cui frequentavo il liceo a Forlì, prendevo il pullman alla mattina presto e tornavo a casa verso le due, o due e mezzo, e lei mi aspettava e mi preparava le cose calde.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized