Archivi tag: Brescia

Risotto con stracchino e sarde di lago alla brace


Sensibilità, mano e tocco non te li può togliere nessuno. Questo è il nostro essere artigiani del cibo.

Riccardo Camanini, chef Lido84

Riccardo Camanini è Chef del ristorante Lido84 di Gardone Riviera. Lui è il capofila del gruppo EastLombardy della provincia di Brescia. La lezione che ha tenuto lo scorso 6 marzo in occasione di Identità Golose 2017, ha portato in scena due piatti che contraddistinguono la sua idea di cucina: il rognone al sangue e il risotto con stracchino e sarde allo spiedo. Concentriamoci sul secondo piatto, nella foto.

Riso carnaroli, stracchino e sarde di lago alla brace, Lido84, Gardone Riviera, EastLombardy

ph. Il Gustofilo

Questo riso ripercorre la storia della mia famiglia, proviene da un prodotto popolare: lo stracchino. Questo formaggio è l’ingrediente fondamentale del mio risotto e un tempo veniva preparato solo durante le pause della transumanza. Gli spostamenti delle mandrie, dagli alpeggi alla pianura, potevano durare anche 10 giorni e il latte munto durante questo periodo, “stracco” (da vacche stracche/stanche, ndr), veniva prodotto rapidamente (a latte crudo, ndr) e dato in dono ai contadini che ospitavano i mandriani. Altro ingrediente importante è la sarda di Lago allo spiedo. Ripercorrendo la ritualità del piatto identitario della mia provincia, se così possiamo definire lo spiedo*, la sarda viene prima pulita dalle interiora (lasciando solo il fegato per caricare il sapore), marinata in aceto di vino groppello (vitigno autoctono della zona) e zucchero poi ed, infine, viene biscottata allo spiedo. Il riso viene cotto in casseruola e a fine cottura mantecato con lo stracchino e con una manciata di Grana Padano per bilanciarne l’acidità, un filo d’Olio extravergine d’Oliva del Garda (da olive casaliva autoctone) e da alcuni fiocchi di burro crudi. Così partendo da un uso povero e comune dello stracchino con le sarde, abbiamo creato un piatto d’alta gastronomia… d’altronde l’uomo ha sempre cercato di dare un aspetto prezioso ai prodotti poveri e continueremo a farlo.

* Spiedo classico bresciano: lombo di coniglio, costina di maiale, 
faraona, patate e salvia cotti per ore e ore su braci di legno... 
sino a quando la carne risulta "biscottata".
Annunci

Commenti disabilitati su Risotto con stracchino e sarde di lago alla brace

Archiviato in Ricette, Uncategorized

Val Camonica: il fiordo della Lombardia


Trattoria Visconti

Un pranzo alla Trattoria Visconti (T. +39 035 908 153), ad Ambivere in provincia di Bergamo, è sinonimo di relax, salute e piacere. Fu così che, anzichè tornare a casa, decidemmo di fare una deviazione in Val Camonica, percorrendo la sponda ovest del lago d’Iseo per poi risalire il corso del Fiume Oglio.

Lago d'Iseo, Monte Isola, Sulzano

Arrivati a Darfo Boario-Terme ci siam goduti un percorso benessere all’interno del nuovo centro termale “Terme di Boario” coccolati da un’atmosfera rilassata e profumata, per poi passare la notte presso l’Hotel Rizzi Aquacharme dove alla grande gentilezza e professionalità del personale si affianca un servizio ristorazione (colazione inclusa) obsoleto, il tutto in una cornice elegante e ben curata.

Prestorik

Continua a leggere

Commenti disabilitati su Val Camonica: il fiordo della Lombardia

Archiviato in Viaggi di primavera

Alla ricerca del chiodo d’oro


La Val Sabbia, collocata nell’alta Lombardia, tra il lago d’Iseo e quello di Garda, è una valle tutta da scoprire. Qua si può incontrare la natura selvaggia, la cultura territoriale e la buona gastronomia. Un luogo da esplorare fatto di spazi verdi incontaminati e percorsi tranquilli capaci di riconciliare l’uomo con l’ambiente circostante.

Raggiungere la Val Sabbia in auto è agevole e, una volta abbandonato il Lago di Garda, ci si inerpica in questa valle che in pochi chilometri vi conduce al Lago d’Idro, un lago da salvaguardare per la bellezza dei suoi colori e per gli innumerevoli scorci che regala ai visitatori.

2014-07-29 13.13.10

Monte Pizza, Chiesa di San Gervasio

Continua a leggere

Commenti disabilitati su Alla ricerca del chiodo d’oro

Archiviato in GustosaMente

Into the wilderness


Mai pensato di abbandonare i circuiti turistici più conosciuti, e frequentati, del Lago di Garda per infilarsi in una delle splendide valli limitrofe? Avete mai sentito parlare della ValVestino o della Valle delle cartiere? Amate lo sport, la natura, la storia e la gastronomia? Allora dovreste proprio scoprire il parco dell’Alto Garda Bresciano. Potrete scoprirlo a piedi, in bicicletta o con la vostra auto cabriolet per rivivere in pieno le atmosfere e i paesaggi di queste zone.

2014-07-22 13.22.59

Museo della Carta, valle delle Cartiere

La Valle delle Cartiere, situata nei pressi di Toscolano Maderno tra i piedi del Monte Castello di Gaino e quelli del Pizzoccolo, è una zona adatta a far divertire tutte le famiglie e tutti gli sportivi. Si abbandona l’auto, e il caos della gardesana, e ci si addentra rilassati con la sola voglia di star bene. Per far questo Valerio Podavini (Guida Mountain Bike Tel 0365 552790 – 335 67 11 475 – vpodav@tin.it ) può aiutarvi a scoprire la Valtenesi, il parco Alto Garda o accompagnarvi sul sentiero delle assi in questa valle, magari in sella a una bicicletta MaTa. Per gli amanti della cultura e della storia il Museo della Carta rappresenta un vero e proprio pozzo di saperi in grado di raccontarvi il passato e farvelo rivivere.

Continua a leggere

Commenti disabilitati su Into the wilderness

Archiviato in GustosaMente