Dal Festival alla mia carta vini… W la letteratura!


I violini sono vivi. Il legno del violino è come il vino. Lavora a poco a poco ed è bene che senta la pressione delle corde; si arricchisce facendolo suonare, gli piace vivere a una temperatura gradevole, poter respirare, non ricevere colpi, essere sempre pulito… Lo chiuda solo se parte.

J. Cabré – Io confesso

Museo del violino

Nella foto: Un violino firmato Lorenzo Storioni, esposto al Museo del Violino di Cremona, protagonista del romanzo di Jaume Cabrè sopracitato

Ho scelto questa citazione per coronare il mio lavoro di sala e cantina. Essa esprime l’amore e la passione che, ogni giorno, muove il mio fare.

Commenti disabilitati su Dal Festival alla mia carta vini… W la letteratura!

Archiviato in Camerieri

I commenti sono chiusi.