Salvare il pianeta con un semplice gesto


TEA, Natura, spazzolino, dentifricio, argilla, salvia, bamboo

Ogni mattina un uomo si alza e sa che deve lavarsi (almeno) faccia e denti. Giusto, no? Le nostre azioni quotidiane, anche e soprattutto le più semplici e frequenti, incidono moltissimo sul nostro stato di salute e su quello dell’intera biosfera.
Nei mesi più freddi siamo abituati a far scorrere l’acqua calda nell’attesa della temperatura che fa per noi. Raggiunto il grado centigrado desiderato procediamo con il lavaggio della faccia, rasatura e/o trucco per poi lavarsi i denti con l’acqua gelida.
Basta invertire quest’abitudine (prima denti e poi faccia) per salvare litri e litri d’acqua fresca e pulita (più volte al giorno, per tutto l’anno) dall’infelice destino dello scarico, sfruttando così lo scorrimento libero dell’acqua nell’attesa della temperatura desiderata.

Il risparmio non solo è tangibile in bolletta ma anche nel benessere del nostro, tanto amato, pianeta.

Scegliendo prodotti naturali come quelli in fotografia si massimizza il risultato… Basta pensare che lo spazzolino personalizzabile in bamboo nella foto è biodegradabile al 100% e si può tranquillamente gettare nel bidone dei rifiuti organici!!! CHE STORIA!!!

Commenti disabilitati

Archiviato in Uncategorized

Da Genova a Villa Favorita passando per il Giappone


VinNatur calamita gli importatori. Ogni anno i saloni organizzati dall’Associazione Viticoltori Naturali attirano sempre più importatori e il vino dei soci arriva in tutti i continenti

1_green-d6346d7d901347246cab6e23ff66011e

 Vinnatur Genova si è conclusa con successo da poche settimane e già VILLA FAVORITA è alle porte, da sabato 21 a lunedì 23 marzo prossimi, nella suggestiva villa “la Favorita” a Monticello di Fara – Sarego, in provincia di Vicenza.

145 i produttori soci VinNatur presenti, provenienti da 17 regioni italiane e da 6 nazioni europee. Proporranno i loro vini non solo al pubblico ma anche alle centinaia di importatori da tutto il mondo che convergeranno al salone.

Il numero già notevole di 320 operatori accreditati nell’edizione 2014 potrebbe essere superato quest’anno grazie all’intensa e costante attività di promozione dell’associazione per aiutare i soci a trovare la strada dell’export, e grazie allo strumento della TASTING ROOM, la sala degustazione riservata ai professionisti, che permette loro di concentrarsi sull’assaggio dei vini in uno spazio adeguato, non affollato e con le bottiglie alla giusta temperatura, per passare poi ai tavoli dei produttori a concludere le trattative.

Tasting_room

Nella foto Jacopo Stigliano (a sinistra)

 

Continua a leggere

Commenti disabilitati

Archiviato in Uncategorized

Chale is a magic place


Ho avuto il piacere di scoprire HotelPlan, e il livello di questi viaggi inconfondibili, grazie a un interessante articolo.

captain, ngalawa, kenya

Il capitano che dirige la ngalawa

 

Letto questo, pochi giorni dopo, parto da Milano Malpensa (Terminal 1) in direzione di Mombasa (kenya). Il volo NEOS, operato dal partner olandese ArkeFLY, è confortevole (eccetto lo scalo tecnico a Zanzibar nel quale abbiam perso più due ore!!!).

L’arrivo a Mombasa è piuttosto rapido (40 minuti di volo da Zanzibar) e lo sbarco senza complicazioni ( 50 $ + 30 minuti di fila per il controllo bagagli). Ad attenderci, con acqua e salviettina rinfrescante, c’è il transfer per Chale Island, un isola situata a 60 km a sud di Mombasa. Il viaggio in auto dura circa 2 ore ma è già vacanza. L’ora di punta, il traffico e il traghetto per superare il canale marino che circonda la capitale kenyota non facilitano il lavoro. Una volta giunti in prossimità dell’isola (10 km a sud di Diani) percorriamo l’ultimo km su di un trattore che, vista la bassa marea, ci permette di raggiungere facilmente il resort.

Colobus

Colobus

Continua a leggere

Commenti disabilitati

Archiviato in Vacanze fai da me

Featured


Weeding, gourmet, cool, winter

A due mesi dal nostro matrimonio scorrono i titoli di coda e la vita continua ricomincia con la carica e la gioia di questi bei momenti:

Continua a leggere

Commenti disabilitati

Archiviato in Taccuino

31 Dicembre 2014 @ Caffè La Crepa


 

Copertina Menu 2014 -  dedicated to Greta & Federico's Wedding

Copertina Menu 2014 – dedicated to Greta & Federico’s Wedding

“È sempre bello mettersi in #cucina con carta e penna per dare libero sfogo alle proprie #idee… Tutti quanti nello stesso momento a sollecitare la #creatività e le abilità dello staff. Ogni anno la storia ripercorre gli stessi modi con obiettivi sempre diversi! Nasce così, un#menu e pian piano diventa grande!”

Poche settimane fa scrivevo così sul mio profilo Instagram (@ilgustofilo)

Dopo il duro lavoro si è completata l’opera, seppure imperfetta è sempre una soddisfazione!

Antipasto, astice, capodanno

Terrina d’astice con salmerino e storione (R) 2001

Continua a leggere

Commenti disabilitati

Archiviato in Taccuino

Stupite con il Torrone di Cremona


#festadeltorrone

#festadeltorrone

Cremona si accinge a tornare la regina indiscussa del torrone, un prelibato dolce, tanto duro quanto buono. La città del violino e di Stradivari produce infatti il 25% del torrone italiano e la Festa del Torrone, che andrà in scena dal 15 al 23 Novembre 2014, ha lo scopo di far crescere e conoscere questo polo dolciario, già molto forte sia livello nazionale che internazionale. Non a caso, proprio in vista di EXPO Milano 2015, la Festa del Torrone rappresenterà l’occasione giusta per apprezzare la bellezza dell’arcimboldo da cui è stata tratta e ispirata la mascotte ufficiale della kermesse milanese. Sono tante le opportunità offerte da questo evento, tante quanti gli avvenimenti promossi dalle tre aziende cremonesi leader nel settore: Vergani, Rivoltini e Sperlari.

Vergani porterà in scena le grandi firme della pasticceria italiana: Maurizio Santin, Alberto Naponi e Iginio Massari.

Rivoltini dedica gli eventi al dedicato al gelato al Torrone e ri-presenterà un dolce preparato con frutta candita e mandorle: il cibalo, noto ai più, grazie alla carovana che seguiva il Giro d’Italia nel primo dopoguerra.

Sperlari invece punta ai food-blogger e alla comunità dei gourmet, inventandosi uno show-cooking on-line dedicato a chi passa la vita a parlare di fuochi e cuochi.

Così anche l’edizione 2014 si accinge a regalare a Cremona una botta mediatica importante che in questi tempi non fa mai male. Nove giorni di festa che garantiranno divertimento, gioia e allegria coinvolgendo tutta la creatività cremonese, dai fumetti alla fotografia, dalla cucina alla musica.

Ora assaggiamo insieme un piatto a base di torrone che vi farà impazzire.

piatto con decori a piacere

Morbidelli di Foie Gras

Invitate a casa vostra per una cena, magari quella di capodanno, i vostri più cari amici con l’obbiettivo di stupirli.

Ingredienti:

Continua a leggere

Commenti disabilitati

Archiviato in Uncategorized

Alberto Buratti al Koiné… un nuovo capitolo


image (1)

Alberto Buratti ha la mia età e l’annata è buona.

Ho conosciuto Alberto durante il mio periodo lavorativo presso l’Osteria Francescana di Modena nel 2013. Lui in cucina e io in sala. Alberto era una persona speciale, tant’è che già allora l’avevo citato nel mio racconto post-esperienza. Lui sorride e lavora, lui scherza e si da fare, lui si impegna e non lo fa pesare. Sempre preso e disposto a fare qualcosa in più per gli altri: “lui con me guai!”. Una persona speciale che contribuiva a creare quell’atmosfera speciale che si respirava in Francescana.
Sempre l’ultimo ad abbandonare la cucina, sempre pronto a scaraventare, con estrema maestria, le crostatine sul sorbetto al limone con zabaione e peperoncino. Da allora siam sempre rimasti in contatto, ci siamo incontrati e aggiornati sulle nostre esperienze lavorative. La sua carriera ha collezionato una marea di Stelle Michelin (e di ore!) in giro per l’Europa, ma quel che importa è che lui ha collezionato tanta esperienza e voglia di mettersi in gioco.

Ecco che MARTEDì 7 OTTOBRE a Legnano, in provincia di Milano, Alberto inaugura la sua nuova esperienza:

Koiné

image

Un legno nel bosco. Gelée al cioccolato 80%, biscotto ai pistacchi, croccante alle grue di cacao, sorbetto ai fichi, marroni sotto sciroppo, meringa alle erbe e lampone congelato

“Una cucina condivisa da culture e popoli diversi, per tecniche e prodotti globali, originari o contaminati dai viaggi e le ricerche/storie dell’era moderna”

Alberto Buratti (@albertoburatti on Instagram)

Commenti disabilitati

Archiviato in Uncategorized

Coltivare il futuro producendo eccellenza


Fausto Andi lavora le sue vigne nei pressi di Montù Beccaria, nell’OltrePo Pavese. Il suo modo di lavorare va oltre quel che comunemente viene definito biologico/biodinamico. Qua si parla di eccellenza e, in tali casi, a determinare le regole è lui stesso. Non si parla di utilizzare o meno il piretro (insetticida naturale), cosa tra l’altro ammessa dai disciplinari di coltivazione, qua si lavora per creare una vigna paesaggista concepita su disegni benedettini i quali si pongono il solo obbiettivo di ricostruire un equilibrio perfetto tra l’uomo e la natura. I suoi vigneti (popolati da vitigni autoctoni), raggruppati tutti sullo stesso appezzamento di terreno, sono nati e cresciuti in modo “spontaneo” senza l’impianto di barbatelle, queste ultime nate per favorire la produzione e non la salute della vigna.

Il problema vivaistico è il vero cancro delle vigne in Italia e nel mondo.

Fausto Andi

 

Continua a leggere

Commenti disabilitati

Archiviato in GustosaMente

Alla ricerca del chiodo d’oro


La Val Sabbia, collocata nell’alta Lombardia, tra il lago d’Iseo e quello di Garda, è una valle tutta da scoprire. Qua si può incontrare la natura selvaggia, la cultura territoriale e la buona gastronomia. Un luogo da esplorare fatto di spazi verdi incontaminati e percorsi tranquilli capaci di riconciliare l’uomo con l’ambiente circostante.

Raggiungere la Val Sabbia in auto è agevole e, una volta abbandonato il Lago di Garda, ci si inerpica in questa valle che in pochi chilometri vi conduce al Lago d’Idro, un lago da salvaguardare per la bellezza dei suoi colori e per gli innumerevoli scorci che regala ai visitatori.

2014-07-29 13.13.10

Monte Pizza, Chiesa di San Gervasio

Continua a leggere

Commenti disabilitati

Archiviato in GustosaMente

La Puglia che vorrei


Trani dal mare: Cattedrale e Castello Svevo

Trani dal mare: Cattedrale e Castello Svevo

La Puglia che vorrei è quella di Trani… quella dove il bianco abbagliante dipinge il paesaggio rendendo le meraviglie architettoniche in piena sintonia con il celeste del cielo sovrastante e l’azzurro dintorno. La Puglia che non vorrei è quella dei rifiuti sulle strade, dei palazzoni abbandonati in cemento armato nelle periferie, delle aree dismesse e inquinate.

Vignanotica

Vignanotica (Gargano)

La Puglia che vorrei è quella degli ulivi, degli orti di Pietro Zito e Peppe Zullo, dei fornelli, dei vini eccellenti di Tormaresca, Cefalicchio, Michele Biancardi e Valentina Passalacqua, delle spiagge immacolate, dei siti archeologici, dei castelli e delle tante persone che qua vivono, ogni giorno, impegnandosi a far si che la Puglia del domani sia ancora migliore.

Con questo spirito cominciò la mia vacanza in Puglia. Con me la mia Smart (forTwo) e Greis, mia futura sposa.

Continua a leggere

Commenti disabilitati

Archiviato in Vacanze fai da me